Fase 2, Movida ordinata a Reggio Calabria

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Movida ordinata a Reggio Calabria. Nel primo week-end della fase 2 dell’emergenza coronavirus c’è cautela, attenzione e rispetto delle regole nell’approccio alla vita sociale. Il tramonto ha attratto molti reggini sul lungomare “Falcomatà”, ma senza assembramenti.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Passeggio distanziato tra le persone, tranne che per i conviventi, e molti con le mascherine. Locali frequentati, ma non gremiti. D’altra parte non sono mancati i controlli delle forze dell’ordine. E lo conferma Paola del ritrovo “Zio Fedele”.

“Finalmente abbiamo riaperto – afferma – Abbiamo iniziato venerdì. Per alcuni giorni abbiamo lavorato per sistemare nel rispetto delle linee guida del Governo: sanificazione, distanziamento dei tavoli. Il personale ha seguito un corso sul CoVid-19 per la sicurezza sui luoghi di lavoro. E’ andata bene.

Piano piano cerchiamo di tornare alla normalità. La cosa più importante che vogliamo trasmettere ai clienti è che si devono rispettare le regole perché il CoVid-19 non è stato ancora sconfitto. Spesso siamo intervenuti davanti al locale per esortare al distanziamento. Dentro siamo molto fiscali: non si può entrare senza mascherina, che eventualmente forniamo noi a chi non le ha. All’ingresso c’è l’igienizzante con un sensore che eroga il prodotto. Alla cassa abbiamo i guanti monouso per le operazioni tramite Pos. I dipendenti sono dotati di dispositivi di protezione, e usano panni monouso per pulire e sanificare tavoli e sedie tra un cliente e l’altro”.

Poco lontano il Malavenda, storico locale in via Zecca, strada chiusa al traffico ma ora con pochi tavoli. “Si cerca, dentro e fuori, di rispettare le regole” afferma uno dei gestori. Dentro pochi tavoli opportunamente distanziati che non intacca l’atmosfera accogliente del locale che offre una piccola biblioteca a disposizione dei clienti.

In piazza Indipendenza, la famosa gelateria “Cesare”, con il celebre chiosco verde che risale ai primi del ‘900. “Finalmente, dopo due mesi di lock down – afferma Davide, il titolare – è bello rivedere tanti giovani sul lungomare e notare come rispettino le regole del distanziamento e portino sul viso la mascherina. C’è voglia di riconquistare una quotidianità perduta ma con moderazione”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM