Armi e droga, arrestati due fratelli


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Due fratelli della Piana di Gioia Tauro sono stati arrestati dai finanzieri di Reggio Calabria con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio e detenzione illegale di armi.

Il provvedimento, in carcere, è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Palmi – su proposta della locale Procura della Repubblica.

Gli indagati, V.C., di 30 anni e S.C. di 33, gestori di un autosalone della zona, sono rimasti coinvolti in seguito all’arresto del padre 57enne R.C., avvenuto lo scorso gennaio, perché le Fiamme gialle, che sospettavano dell’uomo, durante una perquisizione trovarono 2 kg di marijuana, circa 1.2 kg di hashish, 4 pistole semiautomatiche e oltre 140 proiettili nascosti sotto la sabbia in un terreno adiacente all’autosalone degli odierni arrestati.

Le successive attività investigative hanno consentito di raccogliere sufficienti prove che dimostrerebbero il coinvolgimento dei due figli del cinquantasettenne. La misura è stata eseguita stamane.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb