‘Ndrangheta, sequestro di beni a uomo vicino a clan Piromalli

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Un sequestro di beni del valore di circa 500 mila euro è stato effettuato da personale della divisione Polizia anticrimine della Questura di Reggio Calabria a carico di Domenico Pisano, di 51 anni, di Polistena, indicato come esponente della cosca di ‘ndrangheta dei Piromalli di Gioia Tauro.

Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Reggio Calabria – sezione Misure di prevenzione, è giunto al termine di un’indagine di natura patrimoniale coordinata dalla Procura. In particolare è stato sequestrato un fabbricato di due piani a Gioia Tauro, che formalmente risultava intestato alla moglie di Pisano.

L’uomo, attualmente agli arresti domiciliari, era stato sottoposto a provvedimento di fermo dalla Squadra mobile reggina il 5 ottobre 2017 nell’ambito dell’Operazione “Metauros” perché ritenuto responsabile dei delitti di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante dell’avere favorito la ‘ndrangheta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER