Omicidio a Rosarno, arrestato il cognato di Antonio Pupo

Secondo le indagini dei carabinieri, a sparare contro la vittima e il figlio sarebbe stato Carmelo Bersano. Sullo sfondo dissidi familiari

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

E’ stato arrestato ieri il presunto autore dell’omicidio di Antonio Pupo, di 44 anni, operaio del Porto di Gioia Tauro, ucciso l’altra notte a colpi di pistola a Rosarno, e del ferimento del figlio Michele, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Catanzaro.

Si tratta di Carmelo Bersano, di 45 anni, cognato della vittima, incensurato. L’uomo, su cui da subito si sono incentrate le attenzioni degli investigatori, è stato individuato dai carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro in un casolare disabitato.

Secondo quanto trapela, l’uomo avrebbe ammesso le sue responsabilità parlando di un gesto compiuto al culmine di una lite in ambito familiare. Bersano, che è difeso dall’avvocato Maria Angela Borgese, ha una piccola ditta di imbianchino. E’ accusato di omicidio e tentato omicidio.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb