Piantagione di marijuana tra i rovi, arrestati zio e nipote

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Avevano impiantato una coltivazione di marijuana proteggendola con una sorta di barriera fatta di rovi e sterpaglie. Pasquale Fossari, di 51 anni, con precedenti, e il nipote Francesco Fossari, di 26, incensurato, sono stati arrestati dai carabinieri a Melicucco con l’accusa di coltivazione di sostanza stupefacente.

I militari di Cinquefrondi, nel corso di un servizio di perlustrazione svolto insieme ai Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia, in una zona impervia tra Anoia e Melicucco, hanno avvertito dei rumori e movimenti anomali assieme forte odore di marijuana. Avvicinandosi al luogo si sono trovati di fronte un vero e proprio muro impenetrabile di rovi e sterpaglie individuando, però, una “porta” naturale, creata con piante e legna, dalla quale si accedeva ad un tunnel scavato per circa 30 metri. Il percorso ha condotto ad uno spiazzale aperto ma protetto da pareti naturali. In quel luogo i militari hanno trovato vari filari con tubi di irrigazione del tipo “a goccia” per la coltivazioni di numerose piante di marijuana, di piccola e media dimensione.

I due “coltivatori” hanno tentato di nascondersi tra le sterpaglie, senza riuscire però a dileguarsi. Zio e nipote hanno anche tentato di raccogliere tutte le piante dentro a sacchetti in plastica, per poi gettarli il più lontano possibile. Tutte le 211 piante di canapa indiana presenti e in stato di crescita sono state ritrovate assieme a strumenti, attrezzi e prodotti, compresi medicine e fertilizzanti, per la coltivazione e cura delle piante. L’area era anche dotata di un sistema di irrigazione “automatico” che non necessitava una costante presenza. (Ansa)

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb