Minacciano consigliere comunale di Bova, misura per una coppia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I Carabinieri di Bova Marina hanno notificato un divieto di avvicinamento a una coppia di coniugi del posto accusata di aver minacciato un consigliere comunale.

Le indagini, coordinate dal pm Nunzio De Salvo, sono scaturite dalla denuncia presentata dall’esponente politico ed hanno consentito ai Carabinieri di ricostruire diversi episodi di minacce e violenze che, dal mese di gennaio ad oggi, sono stati consumati dai due coniugi ai danni del consigliere.

L’ultimo episodio risale alla serata del 29 luglio, durante una manifestazione culturale patrocinata dall’Amministrazione comunale di Bova Marina, allorquando l’uomo e la consorte hanno aggredito verbalmente e minacciato il consigliere.

Secondo quanto riferisce una nota dell’Arma, il movente che ha spinto i due coniugi a porre in essere le minacce, sarebbe da ricercare nella denuncia presentata dal politico lo scorso  gennaio, scaturita dal danneggiamento di un mobile in legno adibito ad uso libreria pubblica di proprietà del Comune di Bova Marina e collocato all’interno della Villa Comunale di quel centro. Le indagini, all’epoca dei fatti, hanno portato i Carabinieri a segnalare all’autorità giudiziaria tre minori, tra cui il figlio della coppia indagata.

Con questo provvedimento dell’autorità giudiziaria ai due coniugi è fatto divieto di avvicinarsi alla persona offesa e a recarsi nei luoghi solitamente frequentati dal consigliere comunale.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER