Sfugge all’alt dei carabinieri, preso. In auto aveva arma e 14 kg di droga

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

I Carabinieri di Palizzi Marina hanno arrestato un ventenne di Africo, al termine di un rocambolesco inseguimento. In macchina aveva circa 14 chili di marijuana e una pistola clandestina, con il colpo in canna e pronta all’uso. È successo ieri notte, a Marina di San Lorenzo, nel reggino.

Sulla statale 106, i militari hanno intimato l’alt a una Fiat Tipo che stava passando in quel momento. Il conducente, però, prima ha finto di accostare, poi è ripartito a forte velocità, cercando di sfuggire al controllo.

I militari dell’Arma, subito partiti all’inseguimento dell’auto, l’hanno raggiunta pochi minuti dopo, senza mai perderla di vista, all’altezza di Bova Marina, dove l’autista ha perso il controllo del mezzo e ha sbattuto contro alcune auto in sosta.

Una volta raggiunto il ragazzo – P.M., 20enne di Africo Nuovo – i Carabinieri lo hanno perquisito e all’interno dell’auto hanno trovato circa 14 chili di marijuana, ancora da essiccare. Ma anche una pistola con matricola abrasa, perfettamente funzionante e con il colpo in canna, pronta all’uso; e ancora 14 colpi, un passamontagna, due cellulari e materiale vario, verosimilmente utilizzato per la raccolta dello stupefacente.

L’uomo, che dovrà ora rispondere, davanti al Tribunale di Reggio Calabria, dei reati di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto di arma clandestina, detenzione illecita di munizioni e resistenza a Pubblico Ufficiale, è stato associato alla casa circondariale “Arghillà” di Reggio Calabria.