Omicidio Pangallo, fermati padre e figlio. Sono parenti della vittima. “Dissidi familiari”

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Sono stati arrestati i presunti autori dell’omicidio di Salvatore Pangallo, il giovane 25enne di Africo ucciso a colpi di arma da fuoco lunedì scorso nelle campagne di Bianco. Si tratta di Santoro e Pietro Favasuli, padre e figlio rispettivamente, di 62 e 23 anni, parenti della vittima.

I due indagati si sono costituiti al termine di serrate ricerche condotte dai Carabinieri della compagnia di Bianco sotto il coordinamento della Procura di Locri che ha emesso nei loro confronti un decreto di fermo con l’accusa di omicidio premeditato in concorso, nonché di porto abusivo di armi e munizioni. Armi che, allo stato, non sono ancora state rinvenute.

Padre e figlio, al termine delle operazioni di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di Locri. Le indagini proseguono, al fine di ricostruire l’esatta dinamica dell’evento ed il movente che, da prime ricostruzioni, va ricercato in pregressi dissidi privati, tra famiglie comunque legate da rapporti di parentela, fa sapere una nota dell’Arma reggina.

Entrati in azione, i sicari hanno sparato contro Salvatore Pangallo numerosi colpi di arma da fuoco. Un agguato vero e proprio, con la vittima che è stata con ogni probabilità pedinata e colpita a freddo.

Agguato ad Africo, ucciso un giovane di 25 anni. Ferito gravemente il padre

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB