Incornato da un toro vagante, grave un 57enne nel reggino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

ambulanza campagna

Un uomo di 57 anni, N.R, è stato ferito gravemente da un toro che circolava liberamente nelle campagne di Cinquefrondi, nel reggino. Si tratterebbe di un animale che farebbe parte di un branco di cosiddette “vacche sacre”, i bovini riconducibili ad esponenti della ‘ndrangheta che vagano liberamente provocando danni alle colture agricole e rappresentando un pericolo per la circolazione stradale.

L’uomo, nel momento in cui è stato incornato dal toro, stava lasciando la sua campagna ed a piedi stava raggiungendo la propria automobile, lasciata nelle vicinanze.

Il toro, di grosse dimensioni, lo ha incornato ad una gamba provocandogli una vistosa ferita. Sul posto sono intervenuti un’ambulanza ed i carabinieri di Cinquefrondi. Il ferito è stato portato nell’ospedale di Polistena, dove è stato ricoverato con prognosi riservata. Un’altra persona, giunta sul posto a bordo di un’auto, è stata anche lei attaccata dal toro, che si è poi allontanato.

Circostanza che ha fatto scattare l’allarme tra i cittadini che vivono in zona. Si ipotizza che a causa delle battute iniziate circa due anni fa dalla task force istituita dalla Prefettura di Reggio Calabria per catturare le “vacche sacre” che circolavano liberamente nella zona tra Cittanova e Molochio, un gruppo di animali possa aver cambiato zona di pascolo spostandosi verso il territorio di Cinquefrondi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER