Regionali in Calabria, Lucano si candida nelle liste di de Magistris

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Mimmo Lucano
L’ex sindaco di Riace Domenico “Mimmo” Lucano

L’ex sindaco di Riace Domenico Lucano sarà candidato alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Calabria al fianco del candidato presidente Luigi De Magistris. Lo ha annunciato lo stesso Lucano in una intervista al Manifesto.

“Luigi – ha detto Lucano – potrebbe ricostruire la sinistra frammentata in troppi rivoli e personalismi. Il suo arrivo ha acceso un fuoco di speranza. Proprio come i curdi quando arrivarono davanti a questo mare quasi 30 anni fa. La sinistra calabrese è sempre stata forte nelle piazze, ma non nelle urne. A queste regionali potremmo invertire la tendenza. Sono molto fiducioso sulla vittoria. La Calabria di riscatto sociale e civile. Occorrerebbe costruire tante Riace sparse nella regione, ripartendo dalle aree fragili e disabitate”.

“La candidatura di de Magistris – ha aggiunto Mimmo Lucano – rafforza la lotta contro le disuguaglianze e contro le mafie, per fermare lo sfruttamento schiavistico dei migranti nelle campagne. Nel solco di Peppe Valarioti, di Giuseppe Lavorato e di Peppino Impastato”.

Giovedì ci dovrebbe essere un incontro a Reggio Calabria, con i sostenitori di de Magistris per definire l’impegno di Lucano in vista delle regionali dell’11 Aprile prossimo. L’idea, al momento, sarebbe che l’ex sindaco di Riace sia capolista in tutte le tre circoscrizioni calabresi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER