Accoltella gravemente un uomo, arrestato per tentato omicidio

E' successo alcuni giorni fa in piazza Valsesia, a Villa San Giovanni, al culmine di un litigio per futili motivi

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I Carabinieri hanno arrestato un uomo di 38 anni, Roberto Gino Zanon, di Villa San Giovanni, perché ritenuto responsabile di tentato omicidio. Tutto è iniziato tre giorni fa, quando a tarda sera, un giovane 32enne è giunto al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Malacrino Morelli” GOM di Reggio Calabria con una grave ferita da taglio al collo.

Scattata la segnalazione al 112, la vicenda ha destato particolare sospetto ai militari giunti al nosocomio, i quali hanno avviato subito gli accertamenti del caso per ricostruire quanto accaduto.

L’utilizzo dei tradizionali metodi di indagine, a partire dal sopralluogo effettuato sulla scena del crimine e, soprattutto, l’acquisizione di preziosi elementi informativi nell’immediatezza del fatto, attraverso l’ascolto di testimoni, persone a conoscenza anche solo di indizi in merito a quanto avvenuto, si sono mostrati determinanti da permettere infine l’individuazione del presunto aggressore nella propria abitazione a Villa San Giovanni.

Secondo quanto ricostruito, intorno alle 21.30, in piazza “Valsesia”, a Villa San Giovanni, l’indagato avrebbe accoltellato il trentaduenne al culmine di un litigio per futili motivi, determinando quella vistosa ferita riscontrata sul ragazzo all’atto del suo ricovero ospedaliero.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Marco Antonio De Pasquale, proseguono per far completamente luce sulla vicenda. La vittima è attualmente in prognosi riservata. L’arrestato, invece, è stato condotto presso il carcere di “Arghillà” in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM