Concluse operazioni di sgombero del campo rom abusivo nel reggino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Si sono concluse nei giorni scorsi le operazioni di sgombero di un insediamento rom abusivo situato in via del Fortino di Melito Porto Salvo, effettuate da personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili Urbani di Melito Porto Salvo.

L’ordinanza sindacale del Commissario Prefettizio del Comune di Melito Porto Salvo, emessa a seguito delle determinazioni assunte in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Massimo Mariani, è scaturita da un’attenta attività di osservazione e monitoraggio compiuta dal personale del Compartimento di Polizia Ferroviaria di Reggio Calabria, finalizzata anche al contrasto del fenomeno dei furti di rame.

L’area interessata dalle operazioni di sgombero, dove vivevano 8 nuclei familiari per un totale di 27 persone, versava in una situazione di degrado caratterizzata da condizioni igieniche sanitari precarie e da alloggi fatiscenti, oltre che cumuli di rifiuti di vario genere. I predetti nuclei familiari sono stati collocati in alloggi preventivamente individuati dal Commissario Prefettizio del Comune di Melito Porto Salvo Anna Aurora Colosimo e i manufatti abusivamente realizzati sono stati abbattuti. La ormai collaudata sinergia operativa delle Forze dell’Ordine impiegate nelle operazioni ha consentito il perfetto funzionamento del dispositivo di sgombero, avvenuto senza turbativa per l’ordine e la sicurezza pubblica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM