Detenuto morto a Reggio Calabria, chiesto il processo per due sanitari

Dopo la morte di Roberto Jerinò, avvenuta nel 2014, i familiari hanno proceduto con proteste ed esposti per conoscere i motivi del decesso, culminati con l’indagine avviata dalla Procura


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Arghillà Reggio Calabria

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, guidata da Giovanni Bombardieri, ha chiesto il rinvio a giudizio per il medico del carcere cittadino di Arghillà e il responsabile del reparto di Neuroradiologia del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria, per omissione di atti di ufficio in relazione al ricovero del detenuto Roberto Jerinò, 60 anni, deceduto nel 2014 nel carcere reggino.

La notizia, diffusa dal quotidiano Il Dubbio e confermata stamane all’AGI da fonti della Procura, riguarda il mancato soccorso del detenuto che aveva più volte chiesto l’intervento sanitario per il rapido aggravarsi delle sue condizioni di salute a causa di una emorragia cerebrale che ne aveva pregiudicato la mobilità.

Dopo la sua morte, i familiari hanno proceduto con proteste ed esposti per conoscere i motivi del decesso, culminati con l’iniziativa dell’Ufficio di Procura. L’udienza preliminare inizierà a Reggio Calabria il prossimo 25 maggio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER