Processo Ghota, chieste pesanti condanne per Romeo, Caridi e Sarra

La richiesta avanzata dal procuratore Bombardieri al termine della requisitoria. 28 anni di carcere per l'ex parlamentare del Psdi, 20 per l'ex senatore di Forza Italia e venti per l'ex sottosegretario alla Regione Calabria, ritenuti dalla Dda di Reggio a capo della presunta cupola di 'ndrangheta

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
A destra i pm antimafia Bombardieri e Lombardo

28 anni di carcere per Paolo Romeo e 20 per Antonio Caridi: sono le richieste avanzate dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri al termine della requisitoria nel processo Gotha contro la componente riservata che governerebbe la ‘ndrangheta e capace di dettare gli indirizzi politici degli enti pubblici. Bombardieri, oltre alla condanna dei due ex parlamentari ha chiesto anche quella, a 20 anni, per l’ex sottosegretario alla Regione Calabria Alberto Sarra.

Nel corso della requisitoria, iniziata nelle settimane scorse, il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e altri pm della Dda hanno ricostruito l’impianto accusatorio.

L’ex parlamentare del Pdsi Paolo Romeo è ritenuto il “burattinaio” della politica reggina assieme all’avvocato Giorgio De Stefano, già condannato dalla Corte d’Appello al termine del processo celebrato con il rito abbreviato. Anche Caridi e Sarra, secondo la Dda reggina, facevano parte del direttorio della ‘ndrangheta.

Al termine della requisitoria, infine, il procuratore Bombardieri e l’aggiunto Lombardo hanno chiesto che il Tribunale di Reggio Calabria, presieduto dal giudice Silvia Capone, riconosca la colpevolezza pure dell’ex presidente della Provincia Giuseppe Raffa. Per lui la richiesta è stata di 7 anni di carcere.

“Questo processo è un processo alla ‘ndrangheta, – ha detto in aula Bombardieri – quella più pericolosa, che si prende le istituzioni, che sottrae risorse riservate allo sviluppo. E’ un processo fondamentale per quello che è stato e che sarà il destino di questa comunità”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM