Recuperato dipinto di San Prospero, simbolo di rinascita

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

E’ stato restituito all’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio di Cosenza, che lo hanno ritrovato, il dipinto raffigurante “San Prospero inginocchiato sulle macerie della Città di Reggio Calabria”. L’opera, olio su tela, era stata commissionata come simbolo di rinascita da mons. Emilio Cottafavi, inviato da Papa Pio X in Calabria, dopo il terremoto del 1908, al pittore reggino Cirillo Manicardi.

Il dipinto era stato collocato dal prelato nella chiesetta-baracca di San Prospero che rimase attiva per alcuni decenni fino a quando vennero ricostruite le chiese in muratura. A causa di un incendio scoppiato nel 1920, il dipinto venne messo in salvo dalla distruzione e portato in una tipografia dove poi se ne persero le tracce.

A distanza di moltissimi anni, sono stati reperiti alcuni significativi indizi che hanno condotto i militari del nucleo specializzato dell’Arma alla localizzazione dell’opera all’interno di un’abitazione privata non distante dal luogo religioso.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica reggina, hanno consentito, di recuperare il bene sottratto e di restituirlo alla comunità locale. L’opera sarà nuovamente custodita presso l’Arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM