Impediscono gestione di un lido balneare, indagati sindaco e tre collaboratori

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

I Carabinieri di Locri hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, nei confronti del sindaco del Comune di Portigliola, Rocco Luglio, del responsabile dell’area tecnico – manutentiva, del responsabile dell’area amministrativa e del Suap e del segretario generale.

Secondo l’accusa, il primo cittadino e i suoi collaboratori, in concorso tra loro ed in tempi diversi, avrebbero posto in essere reiterati comportamenti illeciti, tesi a far decadere illegittimamente l’intestatario G.L. dalle concessioni demaniali del medesimo centro abitato ed impedendo la gestione delle attività del noto stabilimento balneare “Loa Beach”, procurando intenzionalmente all’intestatario e alla sua famiglia un danno ingiusto.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri e nate a seguito della denuncia della persona offesa alla stazione Carabinieri di Locri, sono consistite prevalentemente nell’analisi della documentazione amministrativa acquisita e sequestrata, nonché nell’escussione di persone informate sui fatti. L’esito delle attività ha fatto luce sui comportamenti illeciti, posti in essere dal Sindaco di Portigliola e dai suoi collaboratori con evidente abuso delle qualifiche pubblicistiche che rivestono.

Nello specifico, tra il settembre 2019 e l’aprile 2021, i pubblici ufficiali – secondo la procura – avrebbero intenzionalmente emanato atti del proprio ufficio in assenza dei presupposti ed in mancanza delle procedure previste dalla legge, evitando di dare pubblicità ai loro provvedimenti e rompendo, senza giustificazione di sorta, qualsiasi forma di comunicazione con gli interessati, le cui istanze e richieste rimanevano di fatto inascoltate.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM