Scambio elettorale politico-mafioso, indagato un altro consigliere regionale

Dopo Nicola Paris, ai domiciliari nell'operazione "Inter Nos", coinvolto anche Raffaele Sainato, ex vicesindaco di Locri, subentrato in Consiglio regionale dopo l'arresto del consigliere Domenico Creazzo, l'ex sindaco di Sant'Eufemia d'Aspromonte arrestato nell'operazione "Eyphemos".

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Consiglio regionale Calabria

Oltre a Nicola Paris, finito agli arresti domiciliari per corruzione, c’è un altro consigliere regionale della Calabria indagato nell’inchiesta “Inter Nos” che ha fatto luce sugli appalti dell’Asp di Reggio, affidamenti nel settore delle pulizie assegnati alle imprese ritenuto vicine alle cosche di Reggio Calabria, Melito Porto Salvo e Locri.

Si tratta di Raffaele Sainato, ex vicesindaco di Locri, subentrato in Consiglio regionale dopo l’arresto del consigliere regionale Domenico Creazzo, l’ex sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte coinvolto nell’operazione “Eyphemos”.

Eletto con la lista di Fratelli d’Italia e oggi passato a Forza Italia, Sainato è indagato assieme a Nicola Paris per scambio elettorale politico-mafioso.

In particolare, nel fascicolo dell’inchiesta ci sono alcune intercettazioni in cui Paris e l’imprenditore Nino Chilà, coinvolto anche lui nell’indagine della Dda di Reggio Calabria, nel novembre 2019 hanno chiesto il sostegno elettorale prima a Silvio Floccari, ritenuto dagli inquirenti vicino alle cosche Cataldo e Cordì di Locri, e poi all’imprenditore Sergio Piccolo, oggi ai domiciliari.

Floccari e Piccolo avrebbero promesso a Paris e Chilà l’appoggio elettorale per il primo. Un sostegno, però, parziale perché Floccari e Piccolo erano impegnati impegnati, per le regionali 2020, secondo quanto é emerso dall’inchiesta, a sostenere la candidatura di Raffaele Sainato.

Dalle indagini della Guardia di finanza di Reggio Calabria, che ha registrato il dialogo con Floccari, emerge infatti che quest’ultimo “fosse impegnato per le regionali – riferiscono le fiamme gialle – con Raffaele Sainato”.

“A chi è venuto non gli ho potuto dire di no” è la frase di Floccari intercettata nella conversazione con Chilà e Paris al quale, comunque, lo stesso Floccari ha garantito il suo sostegno: “Qualcosa per voi c’è… voglio dire dieci, venti, trenta… riusciamo a toglierli da una parte e… metterli all’altra”.

Lo stesso sostegno sarebbe stato garantito anche dall’imprenditore Sergio Piccolo anche lui impegnato con Sainato. “È inutile che ci prendiamo in giro…- sono state le sue parole – quindi… gioia mia di quello che posso fare…”. (ansa)

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM