Brogli elettorali a Reggio, giudici CdS dicono ‘no’ a scioglimento


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Palazzo San Giorgio, sede del Comune di Reggio Calabria, municipio
Palazzo San Giorgio, sede del Comune di Reggio Calabria

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato dall’ex candidato a sindaco del centrodestra al comune di Reggio Calabria Antonino Minicuci, e dalla lista civica “Nuova Italia Unita”, sui presunti brogli elettorali avvenuti durante le consultazioni amministrative del 2020.

Giuseppe Falcomatà, candidato del centrosinistra, sconfisse al ballottaggio con quasi il 20% di voti di scarto il candidato del centrodestra, ma l’esito del voto venne in parte messo in discussione da un inchiesta della Procura della Repubblica reggina, eseguita dalla Polizia, da dove è emerso che un candidato del Pd, Antonino Castorina, avrebbe ricevuto, in alcune sezioni elettorali cittadine, voti di preferenza che sarebbero falsati da presunte “irregolarità e forzature”.

Da qui l’iniziativa di Minicuci, che aveva chiesto l’annullamento della consultazione. Resta in piedi, invece, l’inchiesta penale della Procura della Repubblica nei confronti di Castorina e di alcuni suoi collaboratori.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER