Droga, sorpresi a lavorare e trasportare 70 kg di marijuana, 4 arresti nel reggino


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

E’ di quattro arresti il bilancio di un’operazione antidroga dei carabinieri a Rosarno, dove i militari hanno sorpreso in più occasioni i quattro mentre lavoravano e trasportavano ingenti quantitativi di marijuana.

Tutto è iniziato nei giorni scorsi, quando nel corso di un’ordinaria operazione di controllo congiunta, Carabinieri del Nucleo di polizia ambientale agroalimentare forestale di Reggio Calabria e della Tenenza di Rosarno, hanno colto in flagranza di reato un ventinovenne di Taurianova, sorpreso in una zona rurale del Comune di Rosarno, alla guida di un furgone risultato carico di Canapa Indiana fresca.

Nell’ambito degli stessi controlli congiunti, alcuni giorni dopo è stato individuato, nel comune di Candidoni, un casolare adibito a stabilimento per la lavorazione della Canapa, con tutte le attrezzature necessarie per selezionare, essiccare e confezionare “l’erba”.

Gli appostamenti posti in essere dai militari dell’Arma nei pressi del casolare, ubicato all’interno di un podere recintato e chiuso da un cancello, hanno permesso l’arresto in flagranza di reato di tre soggetti, tutti di Rosarno, accusati di essere gli “operai” adibiti alla lavorazione della marijuana rinvenuta all’interno, stimata in circa 70 kg.

L’intero casolare è stato posto sotto sequestro mentre i tre soggetti, il cui arresto è stato convalidato dall’autorità giudiziaria, sono stati condotti in carcere.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER