240 migranti sbarcano al porto di Roccella


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
archivio

Ancora uno sbarco di migranti al Porto “Delle Grazie” di Roccella Ionica, nella Locride.

Nel pomeriggio di oggi, verso le 16, dopo un’operazione di soccorso in mare compiuta dai militari delle sezioni navali di Roccella e del Roan di Vibo Valentia della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera roccellese, sono stati 240 i migranti sbarcati nella struttura portuale.

Si tratta di migranti, in gran parte giovani e con tanti minori non accompagnati, tutti di sesso maschile e di nazionalità, in prevalenza, egiziana e siriana.

I 240 profughi, prima di giungere a Roccella Ionica, si trovavano a bordo di un vecchio peschereccio di circa 25 metri con i motori in avaria e in balia del mare mosso localizzato dai militari delle Fiamme gialle a poco più di 10 miglia dalla costa della Locride.

Con quest’ultimo sbarco è salito a 53 il numero degli arrivi (48 solo a Roccella) che finora si sono verificati negli ultimi cinque mesi nel tratto di costa della Locride per un totale di quasi seimila migranti. Dopo lo sbarco nel porto di Roccella, i profughi sono stati sottoposti al test del tampone molecolare.

Successivamente sono stati momentaneamente sistemati, vista anche la mancanza di spazi adeguati, in una tensostruttura realizzata di recente all’interno del porto e gestita dai volontari della Croce rossa e della Protezione civile.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER