Lite tra bimbi all’asilo privato, denunciati il titolare insieme a tre operatrici


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Una lite tra bambini in un asilo privato ha messo nei guai il titolare della struttura sita a Palmi e tre operatrici che sono stati denunciati dagli agenti del Commissariato di Polistena con le ipotesi di favoreggiamento personale e per abbandono di minore.

Nei fatti, le indagini hanno avuto origine dalla denuncia presentata al Commissariato dai genitori di un piccolo frequentatore dell’asilo per una riferita aggressione subita da un altro bambino.

I poliziotti per meglio ricostruire i fatti si sono recati presso la struttura per raccogliere informazioni utili dal titolare su quanto accaduto ed estrapolare le immagini del sistema di video sorveglianza presente nell’asilo.

All’atto del controllo, gli agenti hanno avuto modo di constatare che il titolare aveva cancellato l’intera memoria dal sistema di videosorveglianza e scaricato su memoria esterna, consegnando agli agenti, soltanto una parte delle immagini che hanno permesso di accertare l’aggressione avvenuta durante il riposo pomeridiano svoltosi per oltre 40 minuti senza vigilanza.

Il titolare dell’asilo è stato denunciato per favoreggiamento personale, in quanto ha eliminato una parte delle immagini contenute nel Dvr del sistema di videosorveglianza, e tre operatrici della stessa struttura sono state denunciate per abbandono di minori.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER