Incendio nell’abitazione, muore un uomo di 30 anni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
(Ansa)

Un uomo di 30 anni è morto nella notte a Cinquefrondi, nella Piana di Gioia Tauro, nel reggino, nell’incendio che ha completamente distrutto l’appartamento nel quale viveva. Per cause in corso di accertamento, le fiamme hanno avvolto in brevissimo tempo tutti gli arredi presenti sviluppando una densa coltre di fumo e non lasciando scampo all’uomo rimasto intrappolato nella propria camera da letto.

Sul posto sono intervenute squadre dei vigili del fuoco di Polistena, Palmi e Siderno con l’ausilio di quattro automezzi che hanno lavorato evitando che le fiamme si propagassero alle abitazioni adiacenti e al resto dell’immobile. La corsa contro il tempo messa in atto parte dei soccorritori non è riuscita a mettere in salvo l’uomo, che è deceduto.

Le cause del decesso dell’uomo, invalido al 100%, sarebbe sopraggiunto per asfissia a causa del fumo denso provocato dal rogo. Le fiamme, secondo una prima ricostruzione, si sarebbero sviluppate per cause accidentali – si pensa ad un possibile corto circuito – proprio nella camera occupata dalla vittima che evidentemente non ha avuto nemmeno la possibilità di lanciare l’allarme.

I genitori e un altro fratello del trentenne, che si trovavano in un’altra stanza dell’appartamento, sono riusciti a mettersi in salvo. Sul posto, dopo una chiamata di soccorso giunta al centralino della sala provinciale dei Vigili del fuoco di Reggio Calabria, intorno alla mezzanotte, oltre ai vigili sono intervenuti anche i carabinieri e una volante della Polizia. Il pm della Procura di Palmi che ha avviato le indagini sull’accaduto ha disposto l’esame autoptico sul cadavere del trentenne che sarà eseguito a Reggio Calabria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER