‘Ndrangheta nel Comasco, due misure cautelari

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

finanza carabinieri polizia

(ANSA) – MILANO, 14 MAG – Due uomini (uno già detenuto per reati mafiosi), ritenuti presunti responsabili, a vario titolo “di associazione mafiosa, intestazione fittizia e possesso illegale di armi, aggravati dal metodo mafioso”, sono stati raggiunti da ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Milano in seguito a indagini congiunte della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, coordinate dalla Dda di Milano.

Il primo dei due arrestati, un 64enne originario di Giffone (Reggio Caabria), già detenuto in quanto condannato in via definitiva per associazione mafiosa quale capo società della Locale di Fino Mornasco (Como) nell’ambito dell’operazione “La Notte dei Fiori di San Vito” e condannato in secondo grado all’ergastolo come mandante di un omicidio, gestiva i suoi affari nonostante la reclusione impartendo disposizioni ai suoi uomini. L’uomo è anche ritenuto l’amministratore di fatto, per il tramite di uomini di fiducia, di numerosi esercizi commerciali.

Il secondo uomo arrestato, un 44enne originario del Catanese ma residente nel Comasco, è accusato di aver fornito supporto logistico. Sequestrato un maneggio in provincia di Como.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER