Migranti, in 137 sbarcano al porto di Roccella

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Sono 137 i migranti arrivati nelle ultime ore a bordo di una motovedetta della Guardia costiera a conclusione di un’operazione di soccorso in mare coordinata dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Reggio Calabria a circa 20 miglia di distanza dalla costa della Locride. I migranti sono approdati nel porto di Roccella Ionica.

I profughi, tra cui tante donne e molti bambini alcuni dei quali neppure in età scolare, si trovavano su un barca a vela ormai alla deriva. Dopo lo sbarco nel Porto di Roccella Ionica, tutti i migranti, in gran parte di nazionalità afghana, sono stati sottoposti al test del tampone anticovid da parte del personale specializzato dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria.

Successivamente, su disposizione della Prefettura reggina, sono stati momentaneamente sistemati in una tensostruttura realizzata nei mesi scorsi e gestita dai volontari della Croce Rossa e della Protezione civile e che, fino a 48 ore prima, era occupata, in parte, da decine di profughi sbarcati nelle ultime due settimane.

Con l’approdo di oggi è salito a 25 il numero di “arrivi” di migranti nel solo tratto di costa della Locride in questi primi cinque mesi e mezzo del 2022: 24 a Roccella e uno a Siderno. Nel 2021 dei 55 sbarchi che si erano verificati nel solo tratto di mare della Locride ben 47 erano avvenuti nel Porto della cittadina roccellese.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER