Piantagione di droga, armi e munizioni clandestine, 2 arresti

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I Carabinieri della Compagnia di Palmi, insieme ai militari dello Squadrone Cacciatori “Calabria”, hanno arrestato 2 persone, identificate mentre erano intente a coltivare diverse piante adatte alla produzione di marijuana.

Durante un servizio volto al contrasto delle sostanze stupefacenti i militari hanno notato due soggetti intenti a trasportare materiale per la manutenzione delle serre, all’interno di un edificio apparentemente abbandonato.

Insospettiti, i militari hanno fatto ingresso nel seminterrato e individuato una piantagione al coperto di circa 60 piante di cannabis indica. Il locale presentava una complessa architettura di materiali, utili per la cura e la manutenzione delle piante, elaborata per garantire una coltivazione efficace, anche in caso di condizioni metereologiche avverse.

Veniva, tra l’altro, sfruttato un allaccio abusivo alla corrente elettrica. È seguita una perquisizione ai locali e alle pertinenze dello stabile, tra cui una abitazione in uso a uno dei due soggetti. Qui sono state rinvenute 2 pistole con matricola abrasa, tra cui un revolver, e circa 50 munizioni, il tutto detenuto illecitamente.

I militari hanno proceduto al sequestro del locale interrato e delle armi e hanno arrestato i due individui per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti e, uno di essi, anche per la detenzione illecita di armi clandestine e munizioni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER