Brutale aggressione a ragazzo, il questore emette 9 Daspo urbani

Nella notte del 31 luglio sul Lungomare Falcomatà di Reggio un ragazzo venne accerchiato e ripetutamente colpito con calci, pugni e persino con un casco.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Questura di Reggio Calabria

Il Questore di Reggio Calabria ha emesso nove provvedimenti di DACUR – Divieto di Accesso ai Centri Urbani (c.d. DASPO urbano) – nei confronti di altrettanti giovani, due di essi ancora minorenni, autori della brutale aggressione avvenuta nella notte del 31 luglio sul Lungomare Falcomatà ai danni di un ragazzo, accerchiato e ripetutamente colpito con calci, pugni e persino con un casco.

La vittima, a seguito dello spropositato pestaggio, è stata costretta a ricorrere a cure mediche presso l’ospedale di Reggio Calabria, riportando lesioni in tutto il corpo.

Con i provvedimenti, è stato vietato ai giovani l’accesso all’interno dei locali per la vendita e somministrazione di alimenti e bevande nonché nei pubblici esercizi insistenti su tutto il Lungomare Falcomatà di questo centro e di stazionarci nelle immediate vicinanze, per periodi che vanno da sei mesi a due anni (in base alla gravità delle azioni messe in atto dai responsabili).

L’individuazione dei soggetti è stata possibile grazie alla minuziosa ricostruzione delle varie fasi della feroce aggressione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER