1 Aprile 2023

In arrivo migliaia di migranti soccorsi in mare, in campo anche la Marina militare

Correlati

- Advertisement -

Migliaia di migranti sono stati soccorsi negli ultimi giorni nello Ionio e nel canale di Sicilia. Per far fronte all’impegno Sar è intervenuta anche la Marina Militare per supportare la Guardia Costiera nelle operazioni di soccorso a imbarcazioni di migranti al largo della Sicilia, regione che insieme alla Calabria, sarà punto di approdo.

“La Guardia Costiera in difficoltà nell’area Sar Italiana, a sud ovest della Sicilia orientale e a sud ovest del Mar Ionio, durante interventi di propria competenza ha chiesto supporto alla Marina Militare”, fa sapere il ministero della Difesa citato dall’Adnkronos.

“È stato disposto – spiega il ministero – l’immediato intervento di Nave Sirio, già presente nell’area per le proprie attività operative, ad integrazione dei mezzi della Guardia Costiera attualmente impegnati sulla scena luogo dell’azione. La nave militare sta procedendo alla massima velocità consentita per fornire l’assistenza richiesta”.

Oltre mille persone sono segnalate in pericolo al largo delle coste della Calabria. Le motovedette della Guardia costiera stanno intervenendo per prestare soccorso a un barcone con circa 500 migranti a bordo. Nave Dattilo e le motovedette Sar, invece, sono intervenute per altre due carrette del mare con circa 800 migranti che si trovano a circa 100 miglia a sud est di Roccella Ionica.

I soccorsi sono coordinati dalla Centrale operativa della Guardia costiera di Roma in area Sar italiana. Le operazioni risultano “particolarmente complesse per il numero elevato di persone presenti a bordo delle imbarcazioni alla deriva”, spiegano dalla Guardia costiera. Previsto anche l’impiego di un aereo Atr 42, di Nave Corsi e di Nave Visalli della Guardia costiera.

Intanto, è previsto per domani attorno alle 11 l’arrivo nel porto di Reggio Calabria di nave “Diciotti”, della Guardia costiera, con a bordo circa seicento migranti soccorsi negli ultimi giorni in vari punti del Mediterraneo, riporta l’Ansa.

L’attività di primo soccorso e di assistenza ai migranti, al loro arrivo, sarà coordinata dalla Prefettura di Reggio Calabria, che provvederà anche alla loro distribuzione su tutto il territorio nazionale, secondo il piano di riparto concordato col Ministero dell’Interno.

La situazione dei migranti soccorsi nel Mediterraneo, con la decisione di portarne 600 a Reggio Calabria, è stata esaminata anche alla luce del sovraffollamento che si registra nell’hotspot di Lampedusa e la conseguente impossibilità di ospitarvi altre persone.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

“Non mi sento bene”, poi perde i sensi. Un infarto stronca la vita di “Dj Papi”

Un uomo di 53 anni, Nicola Alfonsi, noto anche come "Dj Papi", è morto a 53 anni stroncato da...

DALLA CALABRIA

A Sibari i reperti archeologici della necropoli di Thurii. Al via “Mnemosyne. La Memoria e la Salvezza”

Presentato giovedì 30 marzo 2023 il progetto lanciato dalla Soprintendenza ABAP di Cosenza e dal Parco archeologico: gli interventi di scavo e restauro di una sepoltura scoperta nella necropoli dell’antica Thurii diventano oggetto di un laboratorio-cantiere aperto al pubblico con finalità didattico-scientifica

I misteri del Covid, dei Vaccini e delle Morti improvvise

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER