Intimidazione al sindaco di Villa San Giovanni, indagini

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Ignoti hanno tentato di incendiare il portone dello studio legale del sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti. L’episodio è avvenuto nella serata di ieri in via Umberto I dove Caminiti, che oltre a essere prima cittadina è anche avvocato, ha il suo studio professionale.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e i Carabinieri che hanno rinvenuto la tanica di benzina utilizzata per portare a termine l’intimidazione. Proprio per questo non ci sono dubbi sulla natura dolosa del principio di incendio.

Le fiamme, comunque, non hanno danneggiato l’ingresso dello studio legale dotato anche di alcune telecamere che adesso sono al vaglio degli investigatori. Non è escluso, infatti, che l’impianto di videosorveglianza e le telecamere della zona abbiano registrato il soggetto (o i soggetti) che ha commesso il gesto.

Del fatto è stata avvertita la Procura della Repubblica di Reggio Calabria guidata da Giovanni Bombardieri che ha avviato le indagini sull’intimidazione. Indagini sono in corso. Si cerca di accertare se l’episodio è riconducibile all’attività amministrativa o alla professione legale di Giusy Caminiti.