Auto sbanda e finisce sotto un viadotto, 2 morti e un ferito grave

L'incidente si è verificato in Provincia di Reggio Calabria. A perdere la vita un bambino di 11 anni e la madre di 39 anni. In gravissime condizioni la figlia tredicenne della donna e sorellina del bimbo

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

E’ di due morti e un ferito grave, tutti appartenenti allo stesso nucleo familiare, il bilancio di un incidente stradale avvenuto sulla strada provinciale che da Bovalino conduce a Natile, in provincia di Reggio Calabria. A perdere la vita un bimbo di 11 anni e la madre trentanovenne. La donna si chiamava Caterina Pipicella, e il bimbo Giovanni Marvelli.

L’altra figlia delle donna, di 13 anni, Giusy Marvelli, è rimasta gravemente ferita ed è stata trasportata in elisoccorso nell’ospedale di Locri da dove, a causa della gravità delle sue condizioni, dovrebbe essere trasferita nell’ospedale di Reggio Calabria.

L’auto, una Panda, con a bordo le vittime, per cause in corso di accertamento, è precipitata in una scarpata profonda circa 3 metri; si tratta di un viadotto che attraversa un torrente. L’impatto non ha lasciato scampo a due degli occupanti rimasti incastrati nell’abitacolo.

I sanitari del servizio di emergenza 118 intervenuti sul luogo dell’incidente hanno potuto solo constatare il decesso di madre e figlio e soccorrere la tredicenne, rimasta ferita in condizioni gravissime. Sul posto sono intervenute anche le squadre dei Vigili del Fuoco di Bianco e Siderno che hanno lavorato per estrarre i corpi dei passeggeri e mettere in sicurezza l’autovettura.