Incidente nel Reggino, è morta anche la ragazzina di 13 anni. Tre le vittime

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Sale a tre il numero di vittime del drammatico incidente stradale avvenuto oggi sulla strada provinciale tra Bovalino e Natile, in provincia di Reggio Calabria. Dopo la madre 39enne Caterina Pipicella e il bimbo Giovanni Marvelli, di 11 anni, deceduti sul colpo, è morta anche la sorellina del bimbo, Giusy Marvelli, di 13 anni.

La ragazzina era stata dapprima ricoverata nel nosocomio di Locri e poi, vista la gravità delle sue condizioni, è stata trasferita in elisoccorso ai Riuniti di Reggio Calabria, dove purtroppo è spirata.

L’auto sulla quale viaggiava la famiglia, una Panda, stava percorrendo la strada provinciale tra Bovalino e Natile di Careri, quando per cause ancora in corso di accertamento, è sbandata finendo sotto un viadotto che attraversa un torrente, ponte alto circa tre metri. Da quanto trapela, la famiglia si stava recando ad una festa in un locale di Ardore per partecipare a un matrimonio. Il marito della donna e padre dei piccoli pare fosse su un altro veicolo.