Agguato a Reggio, ferito a fucilate un 31enne

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
bossoli a terra
archivio

Un uomo di 31 anni è stato ferito a colpi d’arma da fuoco, nella tarda serata di ieri, ad Arghillà, nella periferia nord di Reggio Calabria.

L’agguato è avvenuto nei pressi di un campo di calcetto quando la vittima, Cosimo Morello, è uscito per fumare una sigaretta.

Raggiunto al braccio e al torace, il ferito, che appartiene alla comunità rom, non è in pericolo di vita perché il fucile utilizzato era caricato a pallini. Morello, infatti, è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale e, dopo essere stato medicato, è stato già dimesso.

Sulla vicenda stanno indagato la squadra mobile e i carabinieri che hanno eseguito i rilievi sul luogo del tentato omicidio. Gli investigatori sono coordinati dal sostituto procuratore di turno Tommaso Pozzati che ieri sera si è recato in ospedale e, prima delle dimissioni di Morello, lo ha interrogato per tentare di carpire il contesto in cui è maturata la sparatoria.

È l’ennesimo episodio che, a Reggio Calabria, nelle ultime settimane vede protagonista la comunità rom all’interno della quale gli inquirenti ormai da tempo registrano frizioni tra i vari gruppi a cui farebbero capo alcune attività illegali nella zona di Arghillà e in tutto il territorio cittadino. (Ansa)