Sorpresi con 13 chili di droga in auto, arrestati tre giovani pusher

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Tre giovani ventenni sono stati arrestati e posti ai domiciliari perché sorpresi con quasi 13 chili di cannabis in auto.

Ad ammanettarli gli agenti della Polizia Stradale sull’arteria autostradale “A/2 del Mediterraneo”, nel corso di controlli.

Il fatto è successo nella nottata del 6 luglio scorso, quando una pattuglia dipendente della Polizia Stradale della sottosezione di Palmi, ha effettuato un Posto di blocco su disposizione del Centro operativo Polstrada di Lamezia Terme in relazione ad una nota di ricerca di un’autovettura della quale non veniva indicato il modello, specificando che era di colore grigio con tre soggetti armati a bordo, i quali si erano immessi presso lo svincolo di Santa Trada (Reggio) direzione nord.

L’autovettura è stata notata dai poliziotti nel piazzale antistante l’Area di servizio di Rosarno, direzione nord, mentre procedeva contromano all’interno della stazione.

Gli Agenti hanno proceduto al controllo dell’autovettura, risultata una Fiat Panda, con a bordo tre giovani, tutti 20enni. Contestualmente – spiega una nota della Questura reggina  – emergeva la necessità di procedere alla contestazione di un’infrazione di carattere amministrativo per patente di guida non al seguito da parte del conducente.

Giunti i rinforzi, gli agenti hanno avviato una perquisizione del veicolo. Gli occupanti hanno tentato di non consentire l’ispezione nel cofano asserendo una presunta anomalia meccanica della chiave di apertura. Affermazione non veritiera poiché con l’uso della stessa, avveniva appunto la regolare apertura.

Da un primo controllo è stata rilevata la presenza di 13 sacchetti di cellophane contenenti una consistente ed apparente sostanza vegetale di circa un chilo per ogni sacchetto che, successivamente, è stata esaminata ed identificata per “Cannabis”, per un peso totale pari a 12,704 kg, droga destinata alle piazze di spaccio.

I tre fermati sono stati accompagnati presso gli uffici della sottosezione di Polizia Stradale per gli adempimenti di rito. Informato il pm di turno, il magistrato ha disposto il sequestro del narcotico e gli arresti domiciliari per i tre giovani.