Investimento mortale a Reggio, arrestato il presunto autore

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Il luogo dell’omicidio (frame Tg3 Calabria)

Agenti della Squadra mobile e delle volanti della Questura di Reggio Calabria hanno rintracciato e arrestato Francesco Sapone, il 42enne che nella notte tra mercoledì e giovedì, a Reggio Calabria, avrebbe investito con la sua auto due persone, uccidendo un ragazzo di 27 anni, Moussine El Rhannaoui, di nazionalità marocchina, e ferendo l’altro, di origini italiane. L’accusa per lui è di omicidio aggravato dai futili motivi e lesioni gravi.

Sapone è stato sorpreso da una pattuglia delle Volanti mentre si trovava per strada, intento a rinfrescarsi da una fontanella pubblica nella zona di Motta San Giovanni. L’uomo non ha opposto alcuna resistenza ed è stato, quindi, arrestato dagli agenti che hanno ricostruito la dinamica dell’omicidio indirizzando sin da subito le indagini nella zona di Motta dove già ieri, nei pressi dell’abitazione del suocero, la polizia aveva trovato la sua auto utilizzata per investire la vittima.

L’uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Procura ed è stato accompagnato nel carcere di Reggio-Arghillà in attesa dell’udienza di convalida da parte del giudice.

La tragedia si è consumata nel piazzale della stazione di servizio Q8 sulla statale 106, nella zona Pellaro. Secondo quanto ricostruito, l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, avrebbe avuto una lite accesa con alcune persone, di origine marocchine e italiane, che erano seduti in un’auto in sosta nella stazione.

Da una parola all’altra, il litigio è degenerato con il quarantaduenne che si sarebbe diretto verso la sua auto e – secondo l’accusa – avrebbe “volontariamente” investito il gruppo di persone, uccidendone uno, per poi dileguarsi. La Polizia ha visualizzato le immagini di video sorveglianza e in meno di ventiquattro ore è riuscita a risalire al proprietario del veicolo, fino alla cattura avvenuta ieri sera.