Truffa al Sistema sanitario nazionale, indagati un farmacista e 6 medici

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
archivio

A un farmacista e a sei medici di medicina generale, i carabinieri del Nas di Reggio Calabria hanno notificato un avviso di conclusione indagini relative ad una inchiesta, in codice “Archifarm”, che avrebbe svelato una presunta truffa al Sistema sanitario nazionale.

Le indagini dei militari, condotte dal Novembre 2020 al Luglio 2022, supportate da attività tecniche di intercettazioni telefoniche, acquisizioni e analisi di prescrizioni mediche e documenti contabili, nonché testimonianze di numerosi pazienti, avrebbero permesso di ricostruire che i medici di famiglia, tutti operanti nella Piana di Gioia Tauro, si sarebbero resi protagonisti in concorso con il farmacista della cosiddetta “truffa delle fustelle”, ovvero redigevano ricette mediche per medicinali mai dispensati ai pazienti, del tutto ignari delle prescrizioni a loro carico, ma per i quali comunque veniva illecitamente richiesto il rimborso al sistema sanitario nazionale.

I carabinieri hanno ascoltato numerosi pazienti, tra i quali molti anziani e con gravi patologie, che dichiaravano di non aver mai assunto i farmaci prescritti a loro nome né tanto meno di essersi recati presso la farmacia dove ne risultava la dispensazione.

I militari hanno sottoposto a sequestro penale oltre 2.500 confezioni di farmaci in corso di validità, la maggior parte dei quali destinati alla cura delle patologie da contagio Covid-19, trovati abbandonati sul greto del torrente della località Archi di Reggio Calabria, e di cui circa la metà riconducibili all’attività posta in essere dagli odierni indagati.

Durante la medesima indagine il gip presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura, ha emesso un decreto di sequestro preventivo a carico della Farmacia e del rappresentante legale, di quasi 20mila euro, considerato il danno economico che la presunta truffa avrebbe causato ai danni del Sistema sanitario nazionale.

Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di truffa in concorso, falso ideologico e gestione non autorizzata di rifiuti.