Viaggiava verso la Sicilia con oltre 65 kg di droga, arrestato un ‘corriere’ a Villa

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Era pronto ad imbarcarsi a Villa San Giovanni verso la Sicilia con quasi 66 kg di droga ma è stato scoperto e arrestato dalla Polizia di Stato di Reggio Calabria. Protagonista un italiano di 28 anni, A.L., bloccato agli imbarcaderi e finito in cella con l’accusa di detenzione e trasporto illecito di sostanza stupefacente, aggravati dall’ingente quantità.

Nello specifico, agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria erano impegnati a Villa presso gli imbarcaderi dei traghetti diretti in Sicilia, quando pattuglia si è subito resa conto del fatto che, a bordo di un’auto in coda insieme ad altri veicoli tutti in procinto di imbarcarsi sulla nave, vi era un uomo che mostrava un atteggiamento già particolarmente teso e nervoso e, alla vista di un’auto della Polizia di passaggio, si era mostrato ulteriormente preoccupato ed impaziente di salire sul traghetto.

Per tale motivo gli agenti si sono avvicinati e lo hanno invitato a dare le proprie generalità, oltre a fornire i documenti della vettura e la propria patente di guida. In tale circostanza la reazione scomposta dell’uomo, da subito estremamente insofferente, ha indotto gli agenti ad effettuare una perquisizione personale al conducente, poi estesa anche al veicolo.

Nel corso del controllo sono stati rinvenuti nel bagagliaio posteriore della vettura due voluminosi borsoni neri contenenti stupefacente pari a 64,8 chili di hashish e oltre un kg di marijuana.

Dichiarato in arresto, l’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Arghillà a Reggio Calabria dove rimane dopo l’udienza di convalida del gip che ha confermato la custodia in carcere.