Intimidazione al parroco di Varapodio, ignoti gli hanno incendiato l’auto

Il religioso era stato già aggredito lo scorso gennaio. Dalla Conferenza episcopale Calabria la più ferma condanna

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Lo avevano aggredito in chiesa alcune settimane fa e ieri sera gli hanno incendiato l’auto mentre celebrava messa in chiesa. Persone non identificate, dopo averla cosparsa di liquido infiammabile, hanno dato fuoco all’auto, una Fiat Panda, del parroco di Varapodio, don Giovanni Rigoli. La vettura, parcheggiata davanti all’oratorio, è andata distrutta.

A causa del fumo sprigionatosi dall’incendio si è reso necessario sgombrare l’oratorio, la porta d’ingresso ed una finestra del quale sono rimaste danneggiate.

Le indagini sull’intimidazione, avvenuta nel paese della Città metropolitana di Reggio Calabria, vengono condotte dai carabinieri, che hanno prelevato i video registrati dalle telecamere della videosorveglianza.

In parrocchia, per esprimere vicinanza e solidarietà a don Giovanni Rigoli, è arrivato anche il vescovo della Diocesi di Oppido-Palmi, monsignor Giuseppe Alberti.

Dalla Conferenza episcopale Calabria la più ferma condanna

“La violenza, sotto ogni sua forma, è un linguaggio che rifiutiamo categoricamente. Essa non ispira mai i gesti e le parole di chi si professa credente nel Dio della pace e della mitezza, pertanto non può trovare spazio nella società civile, a meno che non si ricerchi lo smarrimento di ciò che rende umani”.

Lo afferma in una nota della Conferenza episcopale calabra nella quale viene espressa “la più ferma condanna per l’atto vandalico perpetrato ai danni del giovane parroco di Varapodio, don Giovanni Rigoli, già vittima a gennaio di un’aggressione, la cui auto, è stata oggetto di un incendio doloso”.

“Questo gesto ignobile – aggiungono i presuli calabresi – è un attacco diretto a tutti i cittadini della nostra preziosa regione, a tutti coloro che quotidianamente credono e lottano in modo onesto e rispettoso a favore della dignità altrui, contribuendo allo sviluppo di una Calabria che non può e non deve essere rappresentata da alcuni criminali accecati da una mentalità mafiosa: questo modo di agire e di pensare non appartiene all’etica e all’umanità dei calabresi!”.

I vescovi esprimono “solidarietà e sostegno al vescovo di Oppido – Palmi, monsignor Giuseppe Alberti, a don Giovanni Rigoli, e tramite loro a tutta la comunità di Varapodio”.

Allo stesso tempo, invitano “tutti i fedeli e le persone di buona volontà a unirsi in preghiera per il Parroco e per la Parrocchia di San Nicola e Santo Stefano, affinché possano superare questo momento con forza, speranza e rinnovato impegno apostolico”.

La Cec ribadisce, nella nota, “la propria volontà a lavorare senza sosta per la promozione della pace, della legalità, del dialogo e della fraternità tra tutti gli uomini e le donne del nostro tempo, affinché atti simili non trovino più terreno fertile nella nostra amata Calabria” e “confidano nell’operato della Magistratura e delle Forze dell’ordine, affinché gli autori del vile gesto siano presto identificati e possano rispondere delle loro azioni in sede giudiziaria nella speranza che le diverse istituzioni educative continuino ad allearsi per formare generazioni libere da odio e vendetta”.