Calabria, il leghista Mancuso rieletto presidente del Consiglio regionale

Elezioni di metà mandato a palazzo Campanella. Riconfermato in blocco l'Ufficio di presidenza

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Filippo Mancuso presidente del Consiglio regionale della Calabria

Filippo Mancuso, della Lega, è stato oggi riconfermato nella carica di presidente del Consiglio regionale della Calabria per la seconda parte della legislatura. L’elezione, che ha registrato la partecipazione di 29 consiglieri, è avvenuta al primo scrutinio.

Ventitré le preferenze espresse a favore di Mancuso, 6 le schede bianche. L’assemblea ha successivamente completato il rinnovo dell’Ufficio di Presidenza confermando tutti gli uscenti.

Vice presidenti sono stati rieletti Pierluigi Caputo (Forza Azzurri), per la maggioranza e Franco Iacucci (Pd) come componente di minoranza. 20 preferenze sono andate a Caputo, 7 a Iacucci, 1 scheda nulla ed una scheda bianca.

Analogamente, è stato confermato in blocco anche l’organigramma dei segretari-questori. Con 29 consiglieri presenti e votanti, 21 voti sono andati al consigliere Salvatore Cirillo (FI), componente di maggioranza, e 7 al consigliere Ernesto Francesco Alecci (Pd) come componente di minoranza. 1 scheda bianca.

“Vi ringrazio per la fiducia che mi avete espresso – ha detto Mancuso dopo la riconferma alla guida della massima assemblea calabrese – e spero, ancora una volta di meritarmela, esercitando la funzione con il dovuto rispetto dello Statuto, del Regolamento e delle prerogative dei consiglieri, di maggioranza e di opposizione. Nel quadro del pluralismo istituzionale che vede presenti in quest’Aula diverse opzioni politiche, ribadisco – ha aggiunto – l’auspicio che sulle questioni più delicate, pur nelle differenze di ruolo assegnateci dall’elettorato, il Consiglio regionale possa pervenire a una condivisione delle scelte legislative e amministrative volte a migliorare la qualità della vita delle nostre comunità”.

“Ritengo fondamentale – ha sostenuto ancora il presidente Mancuso – inoltre, nell’azione di modernizzazione del sistema Calabria, la partecipazione attiva dei cittadini, perché le iniziative della politica e delle Istituzioni calabresi possono essere più efficaci, se sostenute da una comunità coesa e solidale, pronta a mobilitare le sue migliori energie, per costruire, nel rispetto della legalità e del bene comune, il proprio futuro”.