Incidente fatale sulla provinciale 63. Muore Antonio Scrugli

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Incidente fatale sulla provinciale 63. Muore Antonio Scrugli
La vittima Antonio Scrugli

VIBO VALENTIA – Un uomo di 40 anni, Antonio Scrugli, è morto in un incidente stradale verificatosi giovedì mattina dopo le 6.30 lungo la strada provinciale 63 che collega Vazzano a Vallelonga, in provincia di Vibo Valentia.

La vittima era a bordo di un’auto che, per cause in corso di accertamento, sarebbe uscita fuori strada dopo avere sbandato. La statale non è ottimale. Da tempo è conosciuta come la strada killer con i suoi numerosi incidenti, mortali e non.

Insieme a Antonio Scrugli nella vettura c’erano ad altre due persone, di 18 e 24 anni che hanno riportato lievi ferite e sono state portate nell’ospedale di Vibo Valentia.

I tre erano diretti a Chiaravalle Centrale. Secondo una prima ricostruzione l’auto, una Lancia “Y” 10, per il manto stradale divelto in più parti, sarebbe sbandata, e la vittima sarebbe stata sbalzata fuori dall’abitacolo morendo sul colpo. I due amici che erano a bordo con lui se la sono cavata con qualche contusione.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno diretti dal capitano Mattia Ivano Losciale, i quali hanno avviato le indagini sulle cause dell’incidente e i vigili del fuoco. Inutili i soccorsi per lo sfortunato quarantenne.

Il manto stradale della provinciale dove è avvenuto l’incidente in cui ha perso la vita Antonio Scrugli è ora attenzionato dai militari che segnaleranno alla procura di Vibo Valentia la pericolosità dell’arteria.

Non è escluso un iter che potrebbe avere lo stesso epilogo dell’A3 nel tratto della galleria di Mileto dove a causa dell’insicurezza sono state spezzate 5 giovani vite. Il tratto, a seguito di perizie, è stato sottoposto a sequestro.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM