Migranti sulla 106 a Catanzaro Lido, arrestati scafisti ucraini


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Migranti sulla 106 a Catanzaro Lido, arrestati scafisti ucraini
(Archivio)

Arrestati dalla Guardia di Finanza di Vibo Valentia, due scafisti ucraini a bordo di un veliero battente bandiera italiana con compartimento “Bodrum” e nominativo “Bandido”.

L’imbarcazione era in fuga dopo aver fatto scendere 51 migranti irregolari ritrovati lungo la SS 106 nei pressi di Doganieri a Catanzaro Lido. Le vedette della Guardia di Finanza hanno immediatamente avviato le ricerche dell’imbarcazione che verosimilmente si era data alla fuga, riuscendola a fermare poco prima che lasciasse le acque territoriali.

A bordo erano presenti due membri d’equipaggio che hanno dichiarato di essere “svizzeri”. Abbordata l’imbarcazione, i finanzieri hanno ispezionato l’interno dei locali trovando chiari segni che evidenziavano il trasporto di numerose persone.

Il veliero è stato scortato fino a Crotone. Dalle testimonianze di alcuni migranti, è stato possibile accertare che i cittadini ucraini, padre e figlio, hanno condotto il veliero dalla Turchia sino alle coste italiane dietro pagamento di circa 5000 dollari per ogni migrante. I due ucraini sono stati arrestati dalle Fiamme Gialle e condotti nel carcere di Crotone.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER