Omicidio stradale a Ricadi, preso il presunto pirata: è un 87enne


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Compagnia Carabinieri TropeaE’ un uomo di 87 anni, F.T., il presunto pirata della strada che ieri sera, a bordo della sua auto, una Fiat Punto, in via Provinciale della Frazione San Nicolò del Comune di Ricadi (Vibo Valentia), avrebbe investito e ucciso il settantacinquenne Gaetano Fazzari, di Ricadi. F.T., rintracciato nella notte dai carabinieri, è stato posto agli arresti domiciliari.

I militari della Compagnia di Tropea sono risaliti all’identità dell’anziano raccogliendo le testimonianze dei presenti e i filmati del bar nelle vicinanze dell’incidente. F.T., dopo avere investito il settantacinquenne che era appena uscito da un bar, senza prestare soccorso si sarebbe allontanato a velocità sostenuta facendo perdere le proprie tracce.

Fazzari, soccorso e trasportato in ospedale, è deceduto dopo due ore a causa della gravità delle ferite riportate. I militari, diretti dal maresciallo ordinario Antonio Di Carlo, comandante della Stazione carabinieri di Spilinga, e coordinati dal Capitano Dario Solito, comandante della Compagnia Carabinieri di Tropea, giunti sul posto hanno avviato subito le indagini.

A seguito di una mirata ed incisiva attività, gli uomini in divisa sono riusciti a rintracciare presso la propria abitazione l’anziano uomo ed a rinvenire il veicolo, che veniva sottoposto a sequestro il quale presentava evidenti segni di un impatto nella parte anteriore.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER