Omicidio nel Vibonese, ucciso un’autotrasportatore

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Sant Angelo Gerocarne dove è stato ucciso Domenico StambèAgguato nel Vibonese. Un’autotrasportatore di 55 anni, Domenico Stambè, è stato ucciso stamattina a colpi d’arma da fuoco a Sant’Angelo di Gerocarne, in provincia di Vibo Valentia.

La vittima si trovava in un terreno vicino la sua abitazione, quando è stato avvicinato da uno o più sicari che lo hanno freddato a bruciapelo.

Contro Stambè, secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, i killer hanno sparato da distanza ravvicinata alcuni colpi di fucile, uno dei quali lo ha raggiunto in pieno volto. Stambé è morto sul colpo. Dalle modalità, l’agguato sembra di stampo mafioso.

Domenico Stambè
La vittima Domenico Stambè

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Soriano, di Vibo e i colleghi della Compagnia di Serra San Bruno che cercano di risalire agli autori e al movente del delitto.

L’uomo, da quanto trapela, non avrebbe precedenti di polizia, ma non si esclude che l’omicidio sia maturato in un contesto di criminalità. I suoi fratelli qualche anno fa erano stati sorpresi in Piemonte con un’automobile carica di armi.

La vittima gestiva un esercizio di pneumatici e si occupava di trasporti. Davanti la sua casa, in contrada Rombolà di Sant’Angelo (dove è stato ucciso sabato mattina), c’è ancora parcheggiato il suo Tir con cui trasportava merce al settentrione, soprattutto in Piemonte, dove aveva appunto parenti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER