520 migranti sbarcano al porto di Vibo. Invasione senza soste

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Sbarco migranti a Botricello, arrestati presunti scafistiÈ arrivata stamani al porto di Vibo Valentia Marina la nave di Frontex Opv-Kbv con a bordo circa 520 migranti, tra questi 150 minori.

Sulla banchina del porto si è messa in moto la macchina organizzativa coordinata come sempre dalla Prefettura. Presenti, oltre ai funzionari dell’ufficio territoriale di Governo, i sanitari del Suem 118, le forze dell’ordine e i volontari della Croce rossa italiana, della Protezione civile e delle varie associazioni radicate sul territorio. Non si segnalano, al momento, particolari problemi sul fronte sanitario.

Le operazioni di sbarco e di prima assistenza si stanno svolgendo senza particolari intoppi. A bordo ci sono anche due cadaveri consegnati all’imbarcazione di Frontex da un’altra nave in servizio di pattugliamento nel Canale di Sicilia.

Intanto è emergenza sbarchi. Negli ultimi giorni il numero di migranti imbarcati dagli schiavisti dalla Libia verso l’Italia è notevolmente incrementato. Nella sola giornata di ieri, al largo delle coste libiche, ne sono stati salvati oltre 5.000, mentre sono complessivamente 8.500 quelli che si trovano a bordo delle navi dei soccorritori che stanno ora facendo rotta ora verso porti italiani.

I cinquemila soccorsi ieri navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni, raggiunti da unità della Guardia Costiera e di organizzazioni non governative e, inoltre, da alcuni rimorchiatori ‘dirottati’ per i soccorsi.

Gli 8.500 migranti, soccorsi negli ultimi due giorni, sono a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria; le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane, mentre l’Ue resta a guardare.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM