La ‘ndrangheta nel business dell’accoglienza, commissariati tre centri


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

immigratiAncora un caso di infiltrazione della ‘ndrangheta nel business dell’accoglienza dei migranti. Dopo le infiltrazioni di Isola Capo Rizzuto,  il prefetto di Vibo Valentia Guido Longo, d’intesa col Viminale e l’Anac, ha commissariato tre centri di accoglienza migranti a Briatico, nel vibonese.

I centri si occupano di 700 richiedenti asilo e si trovano all’interno di strutture alberghiere. La decisione trae origine dalle interdittive antimafia scattate nei giorni scorsi nei confronti di due cooperative che gestiscono centri d’accoglienza a Briatico, la “Monteleone Servizi” e la “Monteleone 3.0 protezione civile”.

Nel mirino sono finite alcune forniture che sarebbero state date in subappalto a ditte che graviterebbero attorno a organizzazioni criminali. Da qui il commissariamento deciso dal prefetto Guido Longo. La decisione del prefetto consentirà di portare a termine l’appalto in corso sulla gestione dei migranti.

Non viene contestata alcuna ipotesi di reato penale. I provvedimenti erano stati richiesti anche dalle stesse cooperative intenzionate a non voler più continuare nella gestione dei migranti dopo le interdittive. Il commissario nominato è l’avvocato palermitano Rosario Di Legami, amministratore giudiziario di diversi beni confiscati alle mafie.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER