Sequestrata area società che scaricava reflui in un torrente

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

rifiuti, smaltimentoUn’area di duemila metri quadri, nelle vicinanze del Parco delle Serre, dove sorge la centrale a biomasse di proprietà della società “La Foresta”, è stata sequestrata dagli investigatori della sezione Ambiente e territorio della Polizia giudiziaria di stanza nella Procura di Vibo Valentia e dai carabinieri forestali di Serra San Bruno.

L’amministratore unico della società è stato segnalato per stoccaggio abusivo col superamento dei limiti del quantitativo previsto dalla legge e apertura di scarichi industriali senza autorizzazioni. Nel corso di un sopralluogo, gli investigatori hanno trovato seicento tonnellate di scarti nello spiazzo dello stabilimento ed accertato che i reflui finivano nel torrente “Notaro” a sua volta affluente dell’Ancinale che attraversa la vicina città di Serra San Bruno e passa per il Parco delle Serre.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER