Omicidio Fiorillo, presunto Killer incastrato dal Dna e ricostruzione 3D

Gli accertamenti tecnici hanno individuato tracce di residui di polvere da sparo e isolato il profilo biologico di un uomo risultato essere uno dei due sicari

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Antonio Zuliani, uno dei presunti killer di Francesco Fiorillo
Antonio Zuliani, uno dei presunti killer di Francesco Fiorillo

La Polizia di Stato di Vibo Valentia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di uno dei presunti responsabili dell’omicidio di Francesco Fiorillo, avvenuto la sera del 15 dicembre 2015 in Contrada Suriani della frazione Longobardi di Vibo.

Si tratta di Antonio Zuliani, di 26 anni. Dalle indagini della Squadra mobile di Vibo e del Servizio centrale operativo di Roma, coordinati dalla Procura, è emerso che due sicari avevano atteso la vittima nascosti nella vegetazione vicino al cancello del suo podere per poi sparare 7 colpi con due diverse armi tutti andati a segno.

La ricostruzione in 3D della scena del crimine

Un contributo importante alle indagini è giunto dalla ricostruzione in 3D della scena del crimine effettuata dal Servizio polizia scientifica. Vicino al luogo del delitto furono trovati un paio di guanti in lattice, di cui uno con l’indice tagliato. Gli accertamenti tecnici hanno individuato tracce di residui di polvere da sparo e isolato il profilo biologico di un uomo risultato essere Zuliani.

Francesco Fiorillo
La vittima Francesco Fiorillo

Francesco Fiorillo era stato ucciso in una zona isolata da almeno due sicari che lo hanno atteso che scendesse dalla sua Fiat Uno e gli hanno scaricato addosso colpi di una calibro 9 ed una calibro 7.65. A scoprire il cadavere accanto alla sua auto la mattina del 16 dicembre era stato un nipote dell’uomo, allarmato per il suo mancato rientro a casa.

Al momento sconosciuto il movente. Forse per lo spaccio o la prostituzione.

Al momento appare sconosciuto il movente. Fiorillo, dalle prime risultanze di allora pare non avesse collegamenti con il crimine organizzato, solo qualche precedente per droga. Non si esclude un contrasto nello spaccio di stupefacenti o nella prostituzione regolato con la spedizione di morte. Gli investigatori stanno indagando per appurarlo. Ora è caccia al secondo killer.

La scena dell'omicidio di Francesco Fiorillo
La scena dell’omicidio di Francesco Fiorillo
PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB