Armi e droga in casa, in cella due fratelli

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)
Il materiale sequestrato dai carabinieri di Vibo Valentia
Il materiale sequestrato dai carabinieri di Vibo Valentia

Due fratelli sono stati arrestati dai carabinieri a Nicotera Marina al termine di una perquisizione domiciliare. Si tratta di Salvatore e Domenico Piccolo, di 19 e 26 anni, nipoti di Domenico Piccolo, ucciso dal figlio minorenne nel 2011.

Nell’abitazione in uso ai due, i militari della Compagnia di Tropea hanno trovato una pistola ed un fucile, entrambi con matricola abrasa, 90 cartucce, un passamontagna, due giubbotti anti-proiettili (di cui uno perforato), 282 grammi di marijuana, 20 grammi di cocaina, 3 bilancini di precisione nonché vario materiale per il confezionamento.

Inoltre sono stati trovati quelli che rappresentano degli oggetti usati per i rituali di affiliazione alla ‘ndrangheta. Tutto il materiale è stato sequestrato, mentre i due giovani, già conosciuti dalle forze dell’ordine, sono stati arrestati e portati in carcere.