Omicidio anziano nel Vibonese, una condanna e una assoluzione

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Omicidio Ciancio, una condanna e una assoluzioneUna condanna a 25 anni di reclusione per omicidio volontario ed un’assoluzione. E’ questa la sentenza emessa dalla Corte d’Assise di Catanzaro che ha condannato Dorel Varga, 40 anni, ma ha assolto Stela Gyongyi Rezmuves, 39 anni, accusati di aver ucciso nell’agosto 2015 con un oggetto contundente l’anziano di 79 anni, Giglio Palmo Ciancio, di Pizzoni, nelle Preserre vibonesi, gettandolo poi a mare a Pizzo Calabro dove è morto annegato.

La coppia rumena senza fissa dimora avrebbe trascinato l’anziano, privo di conoscenza, a mare facendolo annegare. I tabulati telefonici hanno permesso ai carabinieri di ricostruire tutti gli spostamenti del pensionato risalendo agli utilizzatori della sua scheda telefonica una volta rubatogli il telefonino.

Il rumeno avrebbe infatti commesso “l’errore” di utilizzare la scheda telefonica del telefonino della vittima in altri telefoni. La Procura di Vibo Valentia aveva chiesto l’ergastolo per entrambi gli imputati.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER