Autobomba a Limbadi, in 5 a processo per l’uccisione di Matteo Vinci

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021

autobomba limbadiSono stati rinviati a giudizio dal gup distrettuale di Catanzaro, Paola Ciriaco, quattro dei cinque indagati dell’operazione “Demetra” sull’autobomba che a Limbadi, il 9 aprile del 2018, provocò la morte di Matteo Vinci, di 42 anni, ed il ferimento del padre Francesco, di 70.

Il rinvio a giudizio riguarda Domenico Di Grillo, di 72 anni; la moglie, Rosaria Mancuso (64); il genero, Vito Barbara (29) e la figlia Lucia (30). La quinta indagata, Rosina Di Grillo, di 39 anni, anche lei figlia di Domenico Di Grillo e Rosaria Mancuso, ha optato per il giudizio abbreviato ed il processo a suo carico è stato fissato per il prossimo mese di ottobre.

Il dibattimento per i quattro rinviati a giudizio avrà inizio il 17 settembre. I genitori di Matteo Vinci, il padre Francesco e la madre, Rosaria Scarpulla, si sono costituiti parte civile. Secondo quanto è emerso dall’inchiesta, il movente dell’uccisione di Matteo Vinci sarebbe da collegare ad una vendetta per questioni d’interesse.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM