‘Ndrangheta, scoperta a Piscopio una bomba ad alto potenziale. Un arresto

Lo hanno trovato i carabinieri in un casolare vicino all’abitazione dove nell’ottobre scorso era stato rinvenuto un vero e proprio arsenale di armi nella disponibilità delle ‘ndrine vibonesi.

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Un micidiale ordigno esplosivo artigianale ad alto potenziale di circa sei chilogrammi dotato di innesco con radiocomando è stato scoperto a Piscopio, popolosa frazione di Vibo, in un casolare non distante dall’abitazione rustica dove nell’ottobre scorso era stato trovato un vero e proprio arsenale di armi nella disponibilità delle ‘ndrine vibonesi.

Il blitz, compiuto dai Carabinieri del Nucleo investigativo, coadiuvati dalla Compagnia di Vibo e dallo Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, è stato coordinato dal Sostituto Procuratore Filomena Aliberti sotto la supervisione del Procuratore di Vibo Camillo Falvo.

All’esito del controllo e del rinvenimento è stato denunciato per detenzione illegale di ordigno esplosivo artigianale con l’aggravante mafiosa Filippo Di Miceli, 49 anni di Piscopio, già arrestato lo scorso 20 ottobre dopo il ritrovamento delle armi e attualmente detenuto nel carcere di Avellino.

Stavolta i Carabinieri hanno trovato in un immobile nella sua disponibilità sempre nella zona di Piscopio una vera e propria bomba. Fondamentale si è rivelato l’intervento degli Artificieri del Comando Provinciale di Catanzaro che, su disposizione della Procura di Vibo, hanno provveduto a far brillare l’ordigno.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb