Furti ed estorsioni col “cavallo di ritorno”, sgominata banda nel Vibonese


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Un gruppo criminale composto da sette persone e specializzato in furti ed estorsioni attraverso il metodo del “cavallo di ritorno”, è stato sgominato dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia nell’ambito dell’operazione denominata “Trailer fee” coordinata dal Procuratore Camillo Falvo.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse, a vario titolo, dal Gip del tribunale di Vibo Valentia su richiesta della Procura per i reati di estorsione consumata e tentata ricettazione, detenzione illegale e porto abusivo di arma da fuoco.

Le indagini che hanno portato allo smantellamento della banda, che operava tra il vibonese e la Piana di Gioia Tauro, sono partite dalla denuncia del furto di un rimorchio di autoarticolato, avvenuto nel maggio 2020 a Mileto.

La vittima del furto ha avuto un ruolo attivo fornendo aperta collaborazione e consentendo agli investigatori una rapida ed efficace attività di riscontro che ha portato all’identificazione di tutti i responsabili.

L’operazione denominata è scattata nella notte e ha visto impegnati oltre 50 militari dell’Arma che hanno dato esecuzione al provvedimento cautelare. Effettuate anche numerose perquisizioni finalizzate alla ricerca di ulteriore materiale probatorio..

I dettagli dell’operazione saranno illustrati dal Procuratore Falvo nel corso di una conferenza che si terrà alle 10:30 nella sede del Comando Provinciale dei Carabinieri di Vibo Valentia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM